giovedì 31 dicembre 2015

Parole in prestito di Daniela Palmieri (iQdB Edizioni di Stefano Donno)






















Se si potesse identificare un libro con un caldo abbraccio quel libro sarebbe certamente quello di Daniela Palmieri. Quarantacinque pagine che rimandano al lettore un turbinio di grandi sentimenti: amore, nostalgia, forti ricordi. Tutti elementi questi che coinvolgono, emozionano, soddisfano dinanzi ad una bellissima storia. I ricordi di un'infanzia felice all’interno di una famiglia fatta di armonia e di amore. Poi la tragica perdita del padre ed il mondo che assume colorazioni diverse ma mai nere, perchè quell'amore che era stato confezionato dai genitori e dato in dono alle figlie neanche la morte porterà via. E così l'amore che Anna, la madre, aveva nutrito per Edo rimarrà sempre vivo e sarà eternamente supporto a ciò che era stato il desiderio del padre e che ancora oggi è lì: "La libreria Palmieri". Il racconto si snoda tra le diverse fasi della vita: l’infanzia, l'adolescenza, gli studi, le amicizie, le prime simpatie, i veri affetti, il caro Claudio collaboratore da una vita, la salumeria del sign. Forte frequentata da ragazza con i suoi profumi. Tutto è raccontato con serenità e solo ogni tanto, e di rado in punta di penna, si scorge un velo di tristezza ma è come un alito di vento leggero. carezzevole. Poi il diventare donna affianco agli affetti più cari: la madre, la sorella ,la zia Elvira. Poi l'amore … che giunge con Luigi e che rafforza il carattere e da un'ulteriore sferzata. Il racconto ci porta a riflettere soprattutto su alcune cose: l'amore grande che non si disperde con la morte, la splendida figura paterna bella vigorosa e generosa che noi sentiamo più che mai viva nel ricordo, il progetto della libreria voluto ardentemente dal padre e poi costruito non senza difficoltà passo dopo passo da chi ha sempre creduto e crede ancora nella cultura. Un lavoro quello di Daniela Palmieri che farà sentire più di qualche brivido sulla pelle, un libro che soddisfa come gustare qualcosa di veramente buono, quella piacevole sensazione che proviamo non solo leggendo una bellissima storia ma anche quel senso di sazietà della mente che sentiamo quando siamo dinanzi ad una egregia scrittura. (Dino Levante – redattore de La Gazzetta del Mezzogiorno)

“Questa è una storia di fantasmi, un racconto di ombre e dissolvenze, dove il tempo si è ostinato a passare e noi nel mezzo a far finta di nulla, a non vederle le ombre sotto gli occhi, a non sentirla la pioggia, a sopportare il vento. Neppure il sole forte della calura estiva, il riflettersi dei raggi sulla vetrine, l’aria resa stagnante di scirocco o frizzante di primavera, indifferenti alle stagioni e attenti ai libri, quei “maledetti” libri così amati.”
Daniela Palmieri è nata a Lecce dove vive e lavora nella sua libreria. Per Besa Editrice ha pubblicato La Cerva
iQdB edizioni di Stefano Donno  (i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)
Sede Legale e Redazione: Via S. Simone 74
73107 Sannicola (LE)
Mail - iquadernidelbardoed@libero.it
Redazione - Mauro Marino
Editor – Francesco Aprile (poesia)
Social Media Communications - Anastasia Leo, Ludovica Leo

Gerry Scotti, il 2016 sarà in ‘Caduta Libera’

lunedì 9 novembre 2015

"FLAMENCO E TITO SCHIPA ISPANICO E TANGUERO" ALL’AUDITORIUM DEL CONSERVATORIO TITO SCHIPA DI LECCE



"FLAMENCO E TITO SCHIPA ISPANICO E TANGUERO" in programma giovedì 12 novembre 2015 DALLE ORE 10,30 con l'importante conferenza presso l'Auditorium del Conservatorio di Musica "Tito Schipa" di Lecce in cui interverranno, dopo l'introduzione del Direttore del Conservatorio Maestro Salvatore Stefanelli, la Musicologa  Prof.ssa Elsa Martinelli, l'illustre ispanista e critico letterario  dell'opera di Federico Garcìa Lorca nonché tra i fondatori della Fundaciòn de Garcìa Lorca di Madrid Prof. Piero Menarini Ordinario di Lingua e Letteratura Spagnola all'Università di Bologna, il critico musicale radio-televisivo e responsabile del patrimonio sonoro della RAI Dario Salvatori, la Senatrice Adriana Poli Bortone, il Senatore Rosario Giorgio Costa, moderatore il Prof. Maurizio Nocera. La sera inoltre dalle ore 21 è previsto sullo stesso tema il concerto a cura della Compagnia Mura di Flamenco Andaluso presso il Teatro Paisiello di Lecce. 
A studenti e docenti saranno rilasciati, previa firma i presenza alla conferenza di cui sopra, attestati di partecipazione .
INFO
tel. 339 5742009



Conti in tasca a 007: ecco quanto deve James Bond alle Regina

giovedì 8 ottobre 2015

AMACI (Ass. dei Musei d’arte contemporanea in Italia presenta) per l’Undicesima giornata nazionale del Contemporaneo presenta da Overeco Academy a Lecce “Dietro le stagioni o del Percorso Verbo Visivo” a cura di Francesco Aprile


























AMACI (Ass. dei Musei d’arte contemporanea in Italia) presenta a Lecce per l’Undicesima giornata nazionale del Contemporaneo “Dietro le stagioni o del Percorso Verbo Visivo” a cura di Francesco Aprile presso Overeco Academy & Workshop in via Casetti 2 a Lecce dal 10/10/2015 al  20/10/2015
Dietro le stagioni. Percorsi verbovisivi di Francesco Aprile. Trenta tavole verbovisive rispondono o corrispondono a trenta poesie. Alle trenta poesie della raccolta Dietro le stagioni. Trenta tavole verbovisive. Trenta imboscate alle parole. Imbracature e libere cadute nel precipizio dei segni. Trenta mappature segniche, materiche, verbovisive, calligrafiche, concrete. Oltre la pagina. Nella pagina. Dopo la pagina. Trenta mappature su coordinate ora giornalistico-pubblicitarie, subliminali, ora su parole macerate, fattesi poltiglia di linguaggio, nel luogo contemporaneo di una comunicazione interrotta. La parola è macerata sulla pagina. Trenta tavole per Scritture altre.
L'appuntamento che parte per l’appuntamento dal 10 al 20 ottobre 2015 per l’undicesima giornata del contemporaneo di AMACI (Ass. Musei d’arte Contemporanea d’Italia) prende spunto dalla raccolta di poesie di Francesco Aprile (iQdB Edizioni di Stefano Donno) pubblicata nel 2015. Francesco Aprile (artista, poeta e performer) in occasione della giornata del contemporaneo ripercorrerà seguendo un tracciato estetico visivo, e metrico le diverse stratificazioni espressive della poesia visiva e verbo visiva nella storia dell'arte contemporanea, re/interpretandola, ri/proponendola in una nuova dimensione di poiesi alchemica. Introduce l'artista Paola Scialpi. Interverrà Francesco Saverio Dodaro.
Francesco Aprile, poeta, poeta verbo-visivo, critico, nel 2010 ha aderito al movimento letterario New Page, fondato da Francesco S. Dòdaro. Ha fondato il gruppo di ricerca Contrabbando Poetico (2011) e la rivista di critica e linguaggi sperimentali www.utsanga.it (2014, con Cristiano Caggiula). Nell’ambito dei linguaggi di ricerca sue opere sono archiviate presso istituzioni come il Poetry Library (Londra) e collezioni private, Imago Mundi (Fondazione Benetton). È presente nel volume An Anthology of Asemic Handwriting (2013), e in riviste quali Letteratura e Società, Revista Laboratorio (Universidad Diego Portales, Cile), Infinity’s Kitchen (USA),La Clessidra, Il foglio clandestino, S/V Revue (Lione), Rivista di studi italiani (Toronto).

Per informazioni / Telefono: 3404951799 / Email: paolascialpi@gmail.com / Sito Web: http://paolascialpi.blogspot.it/

venerdì 25 settembre 2015

NASCE ROMA ACTORS ACADEMY: dal Salento a Roma con l’attrice leccese Rossana Ferrara nella scuola per il cinema e il teatro



"Gli attori hanno il privilegio di regalare sogni e amore a persone che non conoscono, che non hanno mai incontrato, ma la vita è un film molto più grande di uno spettacolo cinematografico." Nicole Kidman (citazione)

L’idea della scuola nasce dalla volontà e dall’entusiasmo di creare una formazione innovativa, unica e altamente professionale. La formazione è il pilastro principale di ROMA ACTORS ACADEMY, la quale punta su una formazione d’eccellenza, avvalendosi di un corpo docenti altamente qualificato e di grandissima esperienza. Lo scopo primario della scuola è di mettere in “azione il proprio talento”, coltivando una passione con studio accurato ed attento per farla divenire una professione. La scuola si rivolge ad aspiranti attori ed attrici che intendono seguire un percorso completo di formazione attoriale e parallelamente anche ad attori ed attrici che decidono di perfezionarsi con stage e workshop tenuti da professionisti del settore (registi , casting director) di levatura nazionale. La mission del percorso formativo è quella di fornire tutti gli strumenti pratici per imparare a recitare nel rispetto della naturalezza e della verità interpretative. Le lezioni, infatti, sono costituite oltre che da una parte teorica, anche e soprattutto da un aspetto pratico che mette in primo piano l’utilizzo della macchina da presa come strumento inscindibile dello studio recitativo.” Rossana Ferra e Ivano Rapa (Direzione artistica ROMA ACTORS ACADEMY)

Info
cell. 340.9140429

A Napoli non piove mai: Intervista Sergio Assisi